la farmacia della natura

La prevenzione inizia in cucina

La prevenzione nei confronti delle principali patologie metaboliche e neoplastiche inizia nella cucina di casa nostra. La natura mette a disposizione degli esseri viventi gli alimenti più appropriati al fine di mantenere lo stato di salute.
Il nostro cibo quotidiano può favorire l’insorgenza e l’evoluzione delle principali malattie croniche.

L’attività chemiopreventiva di frutta e verdura è dovuta ai macronutrienti come fibre, grassi e carboidrati e ai micronutrienti come vitamine e minerali. Ma un ruolo fondamentale è dato anche dai composti fitochimici, alcuni dei quali sono dotati di effetti anticancerogeni e sono tutti di origine vegetale. Numerosi studi hanno dimostrato infatti, che diete ricche di alimenti di origine vegetale contribuiscono a prevenire non sono patologie neoplastiche ma anche malattie cardiovascolari, metaboliche e neurodegenerative. Perché non inserire quindi, alcuni di questi alimenti nella nostra alimentazione quotidiana e in quella dei nostri amati animali?
I flavonoidi ad esempio hanno numerose attività biologiche, come le antocianine presente nei frutti di bosco, nel melograno in alcune varietà di cereali. I Flavanoni presenti nei pomodori e nelle piante aromatiche. I flavononi presenti nel sedano, nei cereali e nel prezzemolo. I flavonoli presenti nelle cipolle, nei broccoli, fagioli, mele e indivia.
Bisogna però porre attenzione a come si assumono questi alimenti, infatti la semplice rimozione della buccia di un frutto può eliminare una porzione importante di polifenoli. Le cipolle, per esempio, perdono circa l’80% del contenuto iniziale di quercetina dopo bollitura per 15 minuti. Fra tutti i flavonoidi quello dimostrato più potente nei confronti del cancro è la quercetina, di cui è particolarmente ricca la cipolla rossa. D’estate non c’è niente di meglio di portare con regolarità il pomodoro in tavola dato il suo contenuto di vitamina C ed E, flavonoidi, minerali, acido folico e carotenoidi tra cui il più importante è il Licopene. Bisognerebbe però acquistare pomodori biologici di stagione e consumarli solo quando sono rossi e brillanti, perché la solanina, un glicoalcaloide che può avere effetti negativi sul sistema nervoso centrale, diminuisce di pari passo con la maturazione. Ed ecco una semplice ricettina velocissima ma che ha un grande potere antiossidante, ma che purtroppo non potrà essere condivisa con i nostri animali.

Il KACHUMBARI: gli ingredienti principali sono pomodori rossi, cipolla rossa, succo di lime o di limone, peperoncino, condito con olio evo, coriandolo e basilico tritati freschi.

kachumbari

Secondo i principi ayurvedici la cipolla rossa cruda ha un’energia calda e  allevia le costituzioni Kapha e Vata; il pomodoro ha anche un’energia calda ma ha una qualità fisica leggera e umida mentre la cipolla è pesante e umida, l’unione con il basilico e il coriandolo che hanno un’energia fredda permette di creare un piatto perfettamente equilibrato in grado di influenzare tutti i Tridosha.

La mela fornisce una delle principali fonti di flavonoidi ma la quercetina si trova soprattutto nella buccia quindi per poter sfruttare al massimo le sue proprietà chemiopreventive è fondamentale consumare mele biologiche.

La mela “renetta”  e la mela red delicious  hanno il maggior contenuto di polifenoli e sono quelle che presentano le maggiori proprietà chemiopreventive. I cani amano le mele! Si consiglia di offrile a pezzi con la buccia, lontano però dai pasti principali.

I frutti di bosco contengono abbondanti polifenoli e tra questi il più importante e l’acido ellagico , un fitochimico con un sorprendente potere di inibire la proliferazione delle cellule cancerogene, inoltre hanno proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Nei frutti di bosco essiccati questi composti si trovano in maggiori concentrazioni.Il mirtillo e il ribes hanno un’energia Calda e allievano la costituzione Kapha.

smoothie ai frutti di bosco
smoothie ai frutti di bosco

Ne semi di lino sono presenti dei polifenoli, i lignani che hanno eccezionali proprietà chemiopreventive. I semi di lino sono la principale fonte vegetale di omega 3 e i lignani in essi contenuti vengono metabolizzati dalla flora batterica del colon in enterodiolo ed enterolattone che appartengono alla classe dei fitoestrogeni, per cui risultano molto importanti nella prevenzione dei tumori ormonodipendenti. Per soddisfare il bisogno di omega 3 basta consumare 20 g di semi di lino al giorno, mentre per i nostri animali circa 5_10 g al giorno; è importante macinare i semi di lino perché aumenta l’assorbimento degli omega 3 e i lignani diventano attivi.

Una ricetta con i semi di lino è la famosa crema Budwig, ampiamente impiegata nelle cure alternative contro patologie  oncologiche, permette di attrarre più ossigeno nella membrana cellulare e trasportare l’ossigeno stesso  nella cellula. Io la propongo però in versione vegan, può essere offerta con alcune variazioni anche ai nostri amici animali!

crema budwig
crema budwig

I semi di lino secondo i principi dell’Ayurveda hanno un’Energia Fredda e allieviano le costituzioni Pitta.

Il sesamo ha un contenuto di calcio molto più alto del latte vaccino ed è molto utile nella prevenzione dell’osteoporosi e per gli animali anziani; inoltre è ricco di Vitamina E, quindi ha un elevato potere antiossidante oltre che contenere magnesio, ferro, potassio, rame e vitamina B3.
I semi di sesamo hanno un alto contenuto di omega 6 e una piccola quantità di omega3, per cui si crea un connubio perfetto con i semi di lino. Il consumo di entrambi questi semi aiuta non soltanto a prevenire i tumori ormono-dipendenti ma anche a diminuire i livelli di colesterolo LDL nel sangue. Contenendo soprattutto Omega 6 bisognerebbe consumare non più di 5-10 g al giorno di semi di sesamo.

hummus
hummus

In questa ricetta l’abbinamento dei semi di  sesamo con i ceci permette di fornire tutti gli amminoacidi essenziali, in quanto i semi di sesamo sono ricchi di amminoacidi essenziali ma carenti dell’amminoacido lisina inoltre si consiglia di aggiungere a questa ricetta la menta. Può essere offerta, senza aggiungere il sale ma con l’aggiunta di 2-3 grammi di curcuma, ai nostri amici animali per una merenda gustosissima.

Secondo i principi dell’Ayurveda i ceci hanno un’Energia Calda e un gusto Astrigente mentre la menta ha un’Energia Fredda e un Gusto Pungente per cui si equilibrano perfettamente.

 

La curcuma è molto utilizzata nella medicina ayurvedica e il suo impiego come pianta medicinale risale a 4000 anni fa. Il principale agente antitumorale della curcuma è proprio la curcumina che è in grado di inibire la crescita di tutte le cellule tumorali, inoltre ha una azione antinfiammatoria, antiossidante e stimola il sistema immunitario. La dose consigliata e di 5 g di curcuma al giorno, ma per poter essere assorbita a livello intestinale occorre assumerla con un pizzico di pepe e di olio di oliva o con i semi di lino.

 

olio aromatico
olio aromatico

Per poter creare un olio aromatico per condire i piatti di tutta la famiglia( inclusa quella “pelosa”) dalle proprietà chemiopreventive eccezionali, basta aggiungere ad 1 litro di olio evo: 1 cucchiaio di curcuma, 1-2 grani di pepe, 1 spicchio di aglio,timo, rosmarino e origano; lasciare macerare per due settimane.

La Curcuma possiede un’Energia Calda e allieva Kapha e Vata.

Ovviamente questi sono solo alcuni dei cibi meravigliosi che ci dona la natura ma è importante sottolineare che sono tutti di provenienza vegetale. Credo che sia essenziale ricordare ogni giorno che l’ambiente, lo stile di vita ma soprattutto le nostre scelte alimentari, molte delle quali possono anche essere condivise con i nostri animali, possono profondamente influenzare il nostro e il loro stato di salute.

 

Autore dell'articolo: Manuela Raja

1 commento su “La prevenzione inizia in cucina

    giovanni raja

    (6 Luglio 2018 - 0:46)

    Un articolo veramente. Interessante.
    Molti di questi prodotti naturali già li uso.
    Un abbraccio da mamma e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *