cavolo

Che “cavolo” mangiamo oggi?

La Natura ci dona sempre gli alimenti più indicati per sostenere il corpo durante ogni stagione. Non è un caso che  durante l’inverno sono disponibili alimenti ricchi come le verdure della famiglia delle crucifare (broccoli, cavoli, verze, cavolfiori, etc.). Da secoli il cavolo è stato utilizzato e apprezzato come alimento estremamente semplice per guarire e lenire le più svariate affezioni, sia per uso interno che esterno; le sue indicazioni sono molteplici: affezioni respiratorie, gastriche, intestinali,(coliti ulcerose,parassitosi), debolezza generale, anemia. Cercherò , quindi di spiegare le straordinarie proprietà dei cavoli per far capire l‘importanza di introdurli più spesso nella dieta, anche dei nostri amici animali!

Sono ricchi di vitamine del gruppo B e di fibre, in particolare di fibre solubili come le pectine e gli oligosaccaridi che promuovono la selezione e il mantenimento di una microflora positiva e protettiva per il nostro intestino.Le loro alte concentrazioni di beta-carotene, VitaminaC, selenio e Vitamina E fanno di questi vegetali dei potenti antiossidanti contro i danni provocati da radicali liberi, in particolare sono ricchi di glucosinolati che inducono un sistema di enzimi coinvolti nella detossificazione delle sostanze cancerogene, infatti questi alimenti sono i vegetali tra le più spiccate proprietà antitumorali, numerosi studi hanno dimostrato che il consumo quotidiano di Crucifare è in grado di ridurre in modo significativo il rischio di molti tipi di tumore, in particolare ai polmoni e quelli di tutto il tratto digerente. Il cavolo nero in particolare è ricchissimo di luteina, carotenoide alleato della salute dei nostri occhi, in  100 grammi di cavolo è presente circa 60-80 grammi di Vitamina C che soddisfa il fabbisogno giornaliero contro lo scorbuto a patto che vengano consumati crudi o cotti molto velocemente al vapore in quanto è una vitamina idrosolubile.

Le proprietà cicatrizzanti del succo di cavolo  per la cura delle coliti ulcerose sono dovute alle sue mucillagini, allo zolfo, ai sali di potassio, alla Vitamina U( che il nostro organismo non è in grado di produrre) protettrice delle mucose e alla Vitamina K antiemorragica. Va ricordato inoltre che il sulforafano( presente soprattutto nei broccoli) è un potente inibitore dell’Helicobacter pilory. La cottura non distrugge la vitamina K ma distrugge la vitamina U, quindi sarebbe opportuno consumare il cavolo sotto forma di succo fresco o mangiato crudo tagliato a striscie sottili. Quindi il consiglio è di aggiungere le foglie più verdi scure nelle zuppe e per le pappe dei nostri animali in quanto è termostabile e resiste sia alla cottura che all’ebollizione, mentre magari si potrebbe aggiungere un succo fresco di cavolo rosso ( ricchissimo di antocianine), succo di arancia e una mela a pezzi come merenda supernutriente! Ed ecco alcuni consigli per cucinarli al meglio preservando le loro proprietà: bisognerebbe evitare di bollirli  ad eccezione delle foglie più esterne e coriacee che potrebbero essere aggiunte alle zuppe o per preparare  delle squisite creme, in questo periodo le aggiungo sempre durante  gli ultimi 5 minuti di cottura dei cereali per la preparazione dei pasti per i miei animali, va considerato infatti che tre quarti del contenuto dei glucosinati passa all’acqua di cottura . L’ideale sarebbe mangiarli crudi, cotti al vapore o saltato con il Wok. Per i nostri animali? Assunti regolarmente con l’aggiunta di erbe e spezie carminative e tagliati a piccoli pezzi, li digeriscono senza problemi!

Ma attenzione! Se i cavoli vengono consumati in eccesso e senza una quantità adeguata di iodio nella dieta possono inibire la secrezione di ormoni tiroidei, ma non c’è da preoccuparsi perchè la Natura(come al solito) ci rende disponibile una fonte formidabile di questo elemento: le alghe.

cavoli
Alcuni cavoli acquistati al GAS

Quindi, che “cavolo” mangiamo questa settimana? Questi sono alcuni piatti che ho cucinato con i cavoli che ho acquistato al gruppo GAS cotti al vapore e poi aggiunti ai vari piatti o scottati leggermente in padella, ovviamente anche per la mia “famiglia”pelosa!

fusilli con broccoletti saltati e pinoli
crostata salata
crostata salata con cavolo nero e pinoli
tortino di riso nero
tortino di riso nero con crema di cavolo rosso e patata viola, guarnito con granella di pistacchi
rigatoni con broccoli
rigatoni con broccoli “arriminati” alla siciliana
involtini di verza
involtini di verza con salsa in agrodolce al curry
insalata di cavolo rosso
insalata di cavolo rosso con salsa allo yogurt di soia
riso nero con cavolo rosso
Per shaka e Misty ho preparato: riso nero con fagioli neri e cavolo rosso
riso integrale con cavolfiore
Per Shaka e Misty ho preparato : riso integrale con cavolfiore e piselli

 

Foto in evidenza: Foto di Franck Barskee da Pixabay

Autore dell'articolo: Manuela Raja

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *